Marzo 2018

Giornata della Salute, Museo aperto all’ISS per celebrarla

Sabato sette aprile le porte del Museo dell’Istituto Superiore di Sanità saranno aperte tutto il giorno in occasione della Giornata Mondiale della Salute, nata per ricordare la fondazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, giornata che quest’anno è dedicata alla copertura sanitaria universale.

Un tema importante, che racchiude tutti gli altri, affermando il diritto alla cura che è tra i più importanti diritti umanitari. Il Museo ospiterà per l’occasione una mostra di poster che fanno parte della Campagna 2018 dell’OMS sul tema della copertura sanitaria universale.

Abbiamo deciso di aprire le porte del Museo ai cittadini per sottolineare il valore collettivo del progresso scientifico e sanitario e perché la custodia della memoria che abbiamo voluto realizzare in questo spazio possa essere un luogo fertile per la promozione del valore della tutela della salute collettiva.

Il tema scelto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità non può che trovare accoglienza nel nostro spazio museale che racconta la sanità pubblica attraverso documenti, reperti e sistemi interattivi costruiti per promuovere proprio la consapevolezza del suo valore nella storia e nel presente. Ci è sembrato infatti naturale, visto il tema della Giornata, aprire uno spazio nel quale si testimonia come l’Istituto Superiore di Sanità produsse, allestendo una vera e propria fabbrica, la penicillina per tutto il Paese, quando era impossibile, nel dopoguerra poterla acquistare. Uno spazio dove si può osservare il microscopio che, portatoci via per dispetto dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale, fu ricostruito dai dipendenti dell’Istituto che pezzo per pezzo ne crearono uno ancora migliore dell’originale. A dimostrazione che, attraverso la storia della salute e della ricerca è possibile raccontare anche l’Italia, un’altra Italia. Laboriosa e orgogliosa.

Il tema della copertura universale scelto dall’OMS ci chiama a riflettere sul suo significato, su come declinare quel diritto nei nuovi e diversi contesti socio-demografici che si sono disegnati sulla scena mondiale. Le diverse aspettative di vita, le diverse economie, il diverso grado di alfabetizzazione scientifica e sanitaria, le diverse culture, le disparità tra continenti, ma anche quelle al loro interno e addirittura, come accade in Italia, all’interno delle differenti Regioni ci spingono tutti a misurare la sfida nell’assicurare in futuro un servizio sanitario universale e solidale con la sostenibilità dei sistemi di welfare.

Con una domanda che resta alla base di ogni riflessione, di ogni ragionamento: come garantire l’equità nell’accesso alle cure, come farlo a partire dai costi dell’innovazione, dalle discriminanti sociali e da quelle economiche, e a questa domanda è legato il cuore di ogni democrazia.

Le visite potranno avvenire solo su prenotazione scrivendo a museo@iss.it .

Per maggiori informazioni: https://museo.iss.it