Novembre 2018

Infezioni Sessualmente Trasmesse, in un volume consigli e indicazioni per i giovani

Come si prende un’Infezione Sessualmente Trasmessa (IST)? Quali rischi si corrono durante un rapporto sessuale non protetto? Dove rivolgersi se si ha bisogno di un test o di una visita medica?

A queste e ad altre domande rispondono alcuni ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità rivolgendosi agli studenti delle scuole secondarie nel volume “LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE. Come riconoscerle e prevenirle”, facente parte della collana di libri “I Ragazzi di Pasteur”.

La prima parte del volume offre una breve descrizione delle principali IST corredando i vari capitoli con disegni e grafiche esplicative per imparare a riconoscerle, e propone con linguaggio semplice e diretto una serie di indicazioni pratiche per proteggersi dalle IST.

La seconda parte è costituita da un fumetto la cui sceneggiatura è stata affidata a studenti delle scuole superiori, che racconta le vicende di una ragazza che scopre di avere una IST.

Le IST sono un vasto gruppo di malattie infettive che si trasmettono prevalentemente per via sessuale, spesso non danno sintomi e quindi la persona non sa di avere una IST, può così trasmetterla inconsapevolmente ad altri attraverso rapporti sessuali non protetti.

Se queste infezioni non vengono diagnosticate correttamente e curate in tempo, possono causare gravi complicanze come la sterilità, i tumori, danni gravi al nascituro (se la mamma ha un’infezione durante la gravidanza), e, soprattutto, possono aumentare il rischio di prendere o trasmettere l’HIV.

I giovani, in particolare, sono maggiormente a rischio per vari motivi: hanno tessuti genitali più immaturi e quindi più esposti a queste infezioni; più frequentemente hanno rapporti sessuali non protetti; spesso non hanno sintomi o li trascurano; non hanno una conoscenza adeguata delle IST e delle loro complicanze e quindi non si accorgono a quale rischio si espongono. Per di più, se hanno dei dubbi non sanno a chi rivolgersi o con chi parlarne, quindi, si informano in maniera approssimativa con gli amici, su internet, sui social e chat.

La collana di libri “I Ragazzi di Pasteur” è nata dalla collaborazione tra IBSA Foundation e l’Istituto Pasteur Italia ed è rivolta agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.