Numero 01 – Gennaio 2018

Vaccini: il nuovo libro di Burioni per difendersi dai ‘somari’

Per bloccare i Somari e per convertirli alla ragione abbiamo qualcosa che è più efficace degli antibiotici, più sicuro dei vaccini, un rimedio antico ed economico. I Somari si curano con i libri“. Parola di Roberto Burioni, il virologo divenuto una star del web per le sue lezioni sui vaccini, uscito il 26 e intitolato appunto ‘La congiura dei somari. Perché la scienza non può essere democratica‘.
L’obiettivo del volume, edito da Rizzoli,  spiega lo stesso Burioni sul suo profilo Facebook, è imparare a difendersi dalla “congiura che vuole farci ripiombare in un orribile medioevo, popolato di superstizioni e malattie da decenni scomparse, dove la bugia e la verità sono sullo stesso identico piano“. A ordire la congiura sono appunto i ‘Somari’ del titolo, con cui il virologo si è scontrato spesso nell’ultimo periodo e di cui vengono portati diversi esempi nel libro. A spiegare chi sono è lo stesso Burioni, che trasferisce nel libro i modi tranchant che gli sono valsi diverse critiche. “Genitori che si informano e omettono le vaccinazioni “dopo avere valutato il rischio” – scrive -, attrici demodé che curano il cancro con rimedi artigianali, comuni che patrocinano incontri con medici radiati, senatori che proiettano film dove un malfattore viene glorificato, disk jockey in lieve disuso che parlano in televisione di neuropsichiatria infantile. Il vaccino non è un’opinione, la scienza non è democratica e noi tutti dobbiamo opporci a questa congiura dei somari, fatta di gente che non studia e pretende di parlare“.