dai Centri e Dipartimenti

Numero 07 – ottobre 2017

Uniti per affrontare la fragilità dell’anziano in Europa

al via il sito web della Join Action Advantage di cui l’ISS è partner

Accrescere la comprensione, aumentare la prevenzione, migliorare la gestione a livello Europeo della fragilità, la principale condizione associata alla disabilità e alla perdita di autosufficienza negli anziani. Questi gli obiettivi della prima Joint Action (JA) dell’Unione Europea sulla fragilità, denominata ADVANTAGE, di cui l’ISS è tra i partner per l’Italia.

“Il lancio del sito web dedicato www.advantageja.eu è una tappa fondamentale nell’attuazione delle attività della JA ADVANTAGE – dice Lucia Galluzzo, responsabile scientifico ISS della JA – . Il sito rappresenta lo strumento cardine per accrescere la consapevolezza in materia di fragilità, una condizione che ha pesanti ricadute non solo a livello individuale ma anche sulla sostenibilità economica dei sistemi socio-sanitari dei Paesi europei”. Il sito ADVANTAGE è indirizzato ai professionisti socio-sanitari, ai decisori politici, ai responsabili della pianificazione sanitaria e a tutti coloro che sono coinvolti nell’assistenza e nella cura degli anziani, compresi i semplici cittadini direttamente o indirettamente interessati alla prevenzione e alla gestione della fragilità.  Grazie ad un piacevole layout, il sito ADVANTAGE JA www.advantageja.eu è facile e veloce da navigare. Contiene informazioni generali sugli obiettivi, le attività e i risultati della Joint Action (JA). Illustra i motivi per cui è importante affrontare la fragilità e fornisce informazioni sui partner del Consorzio. Sul sito verranno tempestivamente resi disponibili i risultati conseguiti, le ultime attività, le notizie e gli eventi riguardanti la JA. Oltre alle informazioni sulle azioni intraprese e in corso nell’ambito della JA, il sito rappresenta uno strumento utile per rimanere aggiornati sullo stato dell’arte più attuale e sulle proposte più innovative in tema di fragilità.

La JA ADVANTAGE mira a uniformare la concezione di fragilità a livello europeo, così da creare un approccio comune e condiviso per la prevenzione e la gestione dell’anziano fragile, o a rischio di diventarlo, sia a livello individuale che di popolazione.

Le attività della JA ADVANTAGE hanno avuto inizio lo scorso gennaio e avranno la durata di tre anni, con la partecipazione di 22 Stati Membri, rappresentati da 35 organizzazioni. La fragilità interessa oltre il 10% degli ultrasessantacinquenni europei (circa il 40% in uno stato di pre-fragilità) e frequentemente anticipa l’insorgenza della disabilità. Pur essendo così diffusa nella popolazione anziana, la fragilità non rappresenta una condizione intrinseca dell’invecchiamento, può essere prevenuta e, a differenza della disabilità, può essere reversibile. Per tale motivo, a livello di salute pubblica, è fondamentale sviluppare una strategia comune a tutti gli Stati Membri per la prevenzione, la diagnosi precoce, il monitoraggio e la gestione integrata della fragilità, basata sull’evidenza scientifica e sulle esperienze pregresse.